piccolino

Piccolino, manco sei nato che già te davano i cazzotti pe non fatte vive, prima te volevano… poi c’hanno ripensato, ma te sei più forte der monno.

Ad un anno il mostro te picchiava, ma te manco pe il cazzo, te ne freghi vivi ancora, ridi e vuoi coccole.

Poi la malattia e l’ospedale… e te stramanco per il cazzo, respiri… te so cresciuti li capelli, e dici le prime parole in rumeno.

Er lupo cattivo se ne annato, te c’hai ancora un sacco de confusione che te se magna, manco sai bene chi è tu madre, che  per altro te vole un monno de bene!

Io quando te vedo me se riempie er core, oggi te scrivo e piango. E’ Natale… ma il pensiero mio va sempre a  te, te manco c’hai due anni e hai sofferto più de me. IO co te ce giocherò sempre, e anche se poi ce perderemmo de vista io nun te dimentico, stai scolpito nell’anima mia.

Piccolino spero che te cresca coi contro cazzi e con l’anima gentile: è un binomio vincente.

Te voglio bene bello, er sorriso tuo me fa passa le giornate con faciltà.

Diventa più forte di lui… vinci er DNA so che gliela farai!

Ma poi… comunque sarai… sarai bene.

 

P.s

Se c’avessi i soldi te comprerei du miliardi de giocattoli!

piccolinoultima modifica: 2010-12-25T19:03:41+00:00da epifasi
Reposta per primo quest’articolo

13 pensieri su “piccolino

Lascia un commento